Discography

Zamboni’s music is clever an immediately appealing. So is Genov’s playing.

American Record Guide, January/February 2015

Dopo aver affrontato brillantemente il repertorio del più conosciuto Girolamo Kapsberger (“Libro primo d’intavolatura di lauto” pubblicato nel 2013), il liutista bulgaro Yavor Genov pubblica grazie alla sempre meritoria Brilliant Records e sempre con un prezzo assolutamente abbordabile (intorno ai sette euro) una monografia di composizioni di un autore pressochè sconosciuto ai più, Giovanni Zamboni. Di certo non abbondano le notizie sulla sua biografia: virtuoso del clavicembalo e dei cordofoni (dalla tiorba al liuto, dal mandolino alla chitarra barocca) pare fosse nato e vissuto a Roma a cavallo del 1700 e una delle poche date certe è quella della pubblicazione (Lucca, 1718) delle sue undici Sonate e di una Ciaccona per arciliuto, uno strumento a 14 coppie di corde della cui ideazione si è autoattribuito un altro autore a lui contemporaneo, Alessandro Piccinini. Detto che al tempo di Zamboni le Sonate potevano essere composte per essere eseguite in chiesa (in cinque parti, la prima introduttiva seguita da danze come la Sarabanda, la Giga, la Gavotta o la Courante) oppure in ambiente laico, e queste erano dette “Sonate da camera” (in quattro parti, eseguite in feste private, incontri accademici ed in teatro in apertura o come intervallo fra i tempi dello spettacolo), e detto che Genov ne presenta in totale sette (le numero 1, 3, 5, 8, 9, 10 ed 11) oltre ad una “Ceccona”, resta da rimarcare la purezza del suono e la grande tecnica di questo strumentista bulgaro, che si sta segnalando come uno dei migliori specialisti di questo difficile strumento. Un’esecuzione di primo livello, che oltre a farci assaporare la musica di quel tempo, ci fa scoprire le partiture di uno dei meno conosciuti autori settecenteschi, e questo è un altro grande merito di Yavor Genov. Restiamo in attesa della pubblicazione delle sonate mancanti.

Allesandro Nobis, Folkbulletin, 2014


“he plays with a good deal of élan and considerable insights

into their expressive aims. His brisk tempos are well judged…
Genov promises to be a force to reckon with in the lute world.”
International Record Review, June 2013

“Yavor Genov is […]  is a very good player.
The lines are clear. His tone is lovely, and his modest ornamentation stylish.
It is charming and well played, so if that is enough to attract you, seek it out.”

American Record Guide, July/August 2013

De nos jours, à la faveur de la renaissance de la musique ancienne et des instruments spécifiques, le monde musical redécouvre ces trésors. Musique intime, musique du coeur, l’oeuvre de Kapsberger révèle

tout son caractère, son essence, dans le dialogue sincère entre le musicien et son auditoire. Tout artifice y serait un faux pas impardonnable qui l’anéantirait de suite.

Yavor Genov a su se rendre maître de cette oeuvre et nous la fait découvrir avec une rare authenticité.

L’émotion est au rendez-vous, c’est évident, mais le rêve, la surprise s’invitent également au fil des plages pour tenir compagnie à l’auditeur.

Pizzicato, 4/2013


anthology 1

Awake sweet love / Anthonolgy of lute music / Brilliant Classics


 

Georg Phillip Telemann / Erik Bosgraaf and ensemble Cordevento / The Double Concertos with Recorder / Brilliant Classics 2016

 

Georg Phillip Telemann / Erik Bosgraaf and ensemble Cordevento / Complete Concertos and Suites for Recorder / Brilliant Classics 2016

Wolfgand Amadeus Mozart / musicAeterna / Teodor Currentzis  Don Giovanni / Sony Classical, 2016

Antonio Vivaldi / Erik Bosgraaf and ensemble Cordevento,  The four Seasons / Brilliant Classics 2014